IL BIANCO E IL ROSSO di Emanuele Porcelluzzi

TSIPRAS E’ PARTITO CON IL PIEDE GIUSTO?

26 marzo 2015 · Nessun commento

Tsipras, un politico realista per la realtà greca. La Troika e l’ Eurogruppo, una sorpresa positiva per l’esecutivo greco. VaroufaKis continuerà a sorridere?

Sembrerebbe di si, perché il ministro delle finanze ellenico consegna sia alla Troika sia all’Eurogruppo il programma di riforme richieste, che è, tra l’altro, pubblicato. Affermare che il contenuto del testo riflette, in buona sostanza, il programma pre-elettorale di Syriza non è una dichiarazione bugiarda per la circostanza che, nel testo stilato dal ministro VaroufaKis, si parla degli interventi per dare una mano ai 400.000 mila nuclei familiari senza reddito, per alleviare le sofferenze dei disoccupati, per il rientro all’impiego degli statali licenziati in tronco, e, infine, per l’aumento del minimo salariale da 450 e 750 euro. VaroufaKis non si ferma qui, perché è nei suoi intenti instaurare azioni di lotta avverso le aree di immunità fiscale, indire un concorso pubblico per le frequenze televisive, promuovere efficaci interventi di risanamento e di controllo dei crediti bancari nei confronti dei mass-media e dei partiti. E’ importante, ai fini di una concreta svolta, mandare all’aria quel nefasto collegamento tra i mezzi di informazione, le banche e la politica, che è durato fino al 25 gennaio 2015. Per coloro che non sono a conoscenza della realtà ellenica, è bene informarli sul fatto che la Grecia, per 4 anni, è stata governata “via email”, con cui si ordinavano tagli per le pensioni, per gli stipendi pubblici e “udite, udite” l’abolizione di ogni diritto sindacale nei luoghi di lavoro, mentre le aste giudiziarie per la prima casa avevano già aperto i battenti, anche per l’austerità, di cui erano noti agli ordinatori gli effetti pestiferi e disumani. Ad Atene, l’attesa non è di quelle da inglobare  nel novero degli atti di disponibilità e, quindi, la risposta della Troika e dell’Eurogruppo, consistente nella concessione di quattro mesi per tutto ciò che è afferente agli esborsi pubblici, è accolta con un certo compiacimento da parte di non tutta la popolazione ellenica. E’ strano ma vero che, pur in presenza del conseguimento di apprezzabili manovre negoziali ad opera di VaroufaKis, c’è una fazione del partito di governo, che ricorre a dichiarazioni un po’ toste, per cui succede che siano evocati i motti come quello del “cambio di marcia” e “abbandono degli impegni pre-elettorali” e non viene risparmiato il vocabolo “tradimento”. E’ fuor di dubbio che Alexis ha trovato una situazione parecchio disastrosa e, forse, gli si può addebitare qualche promessa di troppo non facilmente realizzabile, ma appare evidente che la sua strategia contempli  la fine dell’austerità e la permanenza nell’Eurozona. Tsipras è un politico capace e pragmatico, proteso a conquistare  spazi di libertà e di autonomia. Il suo ambito progetto è cambiare sia la Grecia sia l’Europa.
Emanuele Porcelluzzi

Categorie: Politica

% commenti sino ad ora ↓

  • Non vi sono commenti sino a questo momento...Dai il via compilando il modulo sottostante.

Devi essere autenticato per inviare un commento.

Bad Behavior has blocked 167 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok