IL BIANCO E IL ROSSO di Emanuele Porcelluzzi

La BALENA BIANCA NON SI È MAI SPIAGGIATA

6 febbraio 2015 · Nessun commento

Sergio Mattarella, l’uomo giusto nel momento opportuno? Ministro del governo D’Alema, deputato della Margherita e fondatore del Pd. La sua elezione per una tregua renziana di lungo corso?

La Democrazia cristiana torna, puntualmente, anche sotto mentite spoglie sulla scena della politica italiana, tanto e’ vero che qualunque governo si insedia, a Palazzo Chigi, viene etichettato come una nuova Dc. Se prima si nutriva qualche dubbio, con l’ascesa al Colle di Sergio Mattarella, il revival dello scudo crociato e la questione cattolica si impongono con tutte le loro incognite. Il cattolicesimo democratico, considerato come il caro estinto, è più vivo e vegeto che mai e il suo rappresentante è il nuovo Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, fondatore dei popolari, dopo aver militato nell’Azione Cattolica prima e frequentato la sinistra Dc dopo. L’Azione Cattolica ha svolto il ruolo di palestra dell’egemonia politica democristiana, esercitando la sua influenza sia nel bene che nel male sulla storia del nostro Paese e sul suo destino economico, tanto è vero che la classe politica di qualunque livello e’ stata selezionata secondo criteri, all’apparenza, di grande rigore morale ma, in buona sostanza, nell’esibire e vantare l’appartenenza al cerchio magico ecclesiastico, per cui, inevitabilmente, e’ passato di tutto e di più. Sergio Mattarella si forma, come credente e dirigente politico, alla scuola del docente universitario Vittorio Bachelet, assassinato dalle Br, e, forse, incontra la parlamentare, Rosy Bindi, all’epoca assistente del professore, commossasi, durante la cerimonia dell’insediamento di Mattarella, e censurata con una battuta da avanspettacolo, tipica delle sale cinematografiche double-face, ove si proiettano film non troppo fortunati e si esibiscono ballerine seminude alla spasmodica ricerca del successo. La carriera politica di Sergio Mattarella inizia, nel 1982, dopo due anni dall’assassinio del fratello Piersanti e, nel 1985, forma a Palermo la giunta Orlando, avvalendosi del sostegno del Pci, e nel, 1990, partecipa alla crisi della sinistra democristiana fino allo scioglimento della balena bianca. La sua salita al Colle ha fatto si che il mondo cattolico democratico si sia rinvigorito per il fatto che i renziani e i cattolici, sostenitori di Bersani, si sono ricompattati, tant’è che si assiste a una nuova armonia nel Pd, che riesce a ricongiungere culture politiche e generazioni. Si constata che, pur in presenza delle correnti e delle famiglie politiche, ormai in caduta libera, rispetto alle nuove classi dirigenti, le fratture nel cattolicesimo sono divenute ancor più profonde. Dunque, la politica accentratrice di Renzi, finalizzata a istituzionalizzare il potere legislativo nelle mani dell’esecutivo, sarà, in conseguenza, restia a seguire la tradizione democratica di matrice  cristiana oppure no?
Emanuele Porcelluzzi

Categorie: Attualità · Cultura · Politica · Società

% commenti sino ad ora ↓

  • Non vi sono commenti sino a questo momento...Dai il via compilando il modulo sottostante.

Devi essere autenticato per inviare un commento.

Bad Behavior has blocked 167 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok